Il logo della Fondazione Mediterraneo

Condividiamo valori
Combattiamo le ineguaglianze
Costruiamo la pace

Il nostro portalevideo
 Inglese Francese Italiano 
*

Home page

*
*
*

Chi siamo

*
*
*

La Rete

*
*
*

Le Sedi

*
*
*

Le Attività Svolte

*
*
*

La Maison de la Méditerranée

*
*
*
Le Attività
*
In programma
Svolte per Anno
   1994 - 2010
Svolte per Aree
   tematiche
Elenco generale
Attività delle Sedi
Pubblicazioni
 
* *
FONDAZIONE LABORATORIO MEDITERRANEO
ISTITUTO ITALIANO PER GLI STUDI FILOSOFICI




IL MEDITERRANEO E L’EUROPA
Convegno internazionale

24 - 25 novembre 1995
Napoli, Palazzo Serra di Cassano

LA COSTITUZIONE DEGLI STATI UNITI D´EUROPA PREMESSA INDISPENSABILE PER UN MEDITERRANEO DI PACE

Andrebbe spiegato ai giovani the i destini del XX secolo sono stati segnati dalla prima guerra mondiale e i problemi di quella guerra non risolti con l´unità politica, attraverso la realizzazione degli Stati Uniti d´Europa, si sono dilatati nell´ultimo conflitto mondiale a che tutte a due queste terribili guerre sono state guerre civili the hanno visto scagliarsi, l´uno contro l´altro, i popoli europei appartenenti a una comune tradizione di cultura a di sentimenti, a the le borghesie europee si sono dimostrate incapaci di assolvere al compito the la storia poneva, a the era, ancora una volta, la realizzazione dell´unità politica del continente, con la conseguenza degli scontri etnici a razziali the si verificano incessantemente in Europa a nelle sue vicinanze a vedono le classi dirigenti europee inerti a senza forza morale.

Solo gli Stati Uniti d´Europa possono esprimere un grande moto culturale a dare spazio all´incancellabile gloria spirituale del passato del vecchio continente contro il presente sterile e convulso, ed elaborare un programma politico a culturale the superi a vada oltre la concezione grettamente mercantile dell´integrazione europea: una nuova visione del mondo the ponga l´Europa nel suo vero ruolo creativo the è quello della forza delle idee per il superamento delle contraddizioni storiche the minacciano l´annientamento della civiltà umana.

A questo fine è indispensabile tutto il patrimonio di studi a di ricerche "su tutta la vasta plaga dellé civiltà the dal bacino mediterraneo si addentra nell´Asia anteriore, una catena di lingue, fedi, culture the in parte precede in parte accompagna il supremo fiore dell´evo antico, la civiltà greca, da cui la comune visione semplifccatrice fa cominciare la nostra storia. Quasi preistoria di questa, ma con propria, talor altissima fioritura, coesistono o si succedono su suolo africano a asiatico una corona di civiltà a culture autonome, preelleniche o paraelleniche, con una propria filosofia, una visione del mondo, una o più fedi a storie; the l´orientalismo europeo da più di due secoli ha preso a indagare... (Francesco Gabrieli)".

Come la compenetrazione di Grecità a Oriente inaugurata con l´ellenismo si svolge in tutto l´evo antico a si continua nel medioevo attraverso Bisanzio a l´Islam, così una simile compenetrazione dovrà ricreare la ricchezza spirituale necessaria per dare una nuova funzione ai popoli a alle civiltà the si affacciano nel Mediterraneo.

Ma ancora negli ultimi dieci anni nel nostro paese la borghesia ha cercato di obliterare nell´opinione pubblica a in particolare nelle nuove generazioni la cultura europeista the con tanta passione si era sviluppata in Italia intorno all´instancabile elaborazione di Luigi Einaudi a aveva improntato per lungo tempo la politica italiana. Si voleva far dimenticare the Benedetto Croce aveva indirizzato un riiessaggio alle nuove generazioni nelle pagine finali della Storia d´Europa nel secolo decimonono dove si legge: a quel modo che, or sono settant´anni, un napoletano dell´antico Regno o un piemontese del regno subalpino si fecero italiani, non rinnegando l´esser loro anteriore ma innalzandolo a risolvendolo in quel nuovo essere, così a francesi a tedeschi a italiani a tutti gli altri s´innalzeranno a europei e i loro pensieri indirizzeranno all´Europa e i loro cuori batteranno per lei come prima per le patrie più piccole, non dimenticate ma meglio amate.

Siamo alla fine del secolo a del millennio. Sono queste, di solito, le occasioni in cui si fanno i bilanci. Lasciamo il millennio alla storia. Qual è il bilancio del secolo the volge al termine? Quale EUROPA a quale MEDITERRANEO ci aspettano nel nuovo millennio?

In un momento in cui le guerre fratricide, i genocidi ´é la distruzione della memoria storica devastano il cuore dell´Europa a tanti paesi della tormentata regione mediterranea, dovremmo ricordarci dei nostri padri a dei moniti contenuti nelle loro riflessioni.

Torna indietro
***
***
***
*

____________________________________________________

Copyright Fondazione Mediterraneo © 2018. Tutti i diritti riservati.
Cod. Fiscale 94139240637

 

*