Il logo della Fondazione Mediterraneo

Condividiamo valori
Combattiamo le ineguaglianze
Costruiamo la pace

Il nostro portalevideo
 Inglese Francese Italiano 
*

Home page

*
*
*

Chi siamo

*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
Le Azioni - guida
*
Learning Arabic
Progetti cofinanziati
   dall'UE
Conferenze
   Euromediterranee
Forum Civili
   Euromed
Workshop dei
   giovani euromed
Rete
   euromediterranea
   delle donne
Formazione e
   Ricerca
Premio Mediterraneo
Euromed Award
Carovana dei Giovani
Chaire Averroes
Reseau des Chaires
Appelli per il
   Mediterraneo
Meiad
   Mediterraneo, Europa e
   Islam: Attori in Dialogo
Servizio Civile
Cinema, Concerti
   e Mostre
Euromedcafe.org
* *
APPELLO AGLI ELETTORI FRANCESI PER LA COSTITUZIONE EUROPEA

Françaises, français de l’étranger, de l’Italie du Sud, qui plus que vous peut comprendre l’enjeu du référendum qui se déroulera dimanche 29 mai.

Allez voter dans votre consulat pour que votre expérience devienne aussi celle de 450000 européennes et européens, et dites oui encore une fois à l’Europe.

Negli elettori Francesi che voteranno il prossimo 29 maggio per la ratifica del Trattato che istituisce una Costituzione per l’Europa è riposta una grande responsabilità. Dalla loro decisione dipenderà, in misura rilevante, il futuro dei 450 milioni di cittadini dell’Unione Europea e dei rapporti che i loro stati hanno avviato con i paesi mediterranei.

La nostra speranza è in una vittoria del SI.

La vittoria del no alla ratifica della Costituzione Europea segnerebbe di fatto un grave arresto nel processo di integrazione politica europea, forse l’inizio, ancor peggio, di una possibile trasformazione dell’Unione in una semplice zona di libero scambio. Un tale rifiuto influenzerebbe sicuramente la decisione degli altri paesi che ancora devono prendere posizione. Il no francese significherebbe l’affossamento di questa Costituzione e probabilmente anche la fine del metodo della Convenzione che si è rivelato più innovativo e democratico rispetto alle tradizionali conferenze intergovernative.

Il grande contributo che la Francia ha dato in termini di civiltà, cultura ed iniziativa a favore dell’integrazione dei paesi del vecchio continente, essendo da sempre uno dei riferimenti indiscussi del processo di integrazione comunitaria, verrebbe fortemente compromesso nel caso di un voto negativo.

Molto deve l’Europa al pensiero ed all’azione politica dei Francesi.

Un eventuale rigetto del testo del Trattato comporterebbe la caduta della gran parte delle speranze coltivate dai cittadini europei, vecchi e nuovi, ma soprattutto delle speranze di chi ha visto nell’appartenenza all’Unione il completamento delle libertà e dei diritti fondamentali, dell’integrazione tra i paesi stessi e più recentemente con quelli dell’area Mediterranea.

Un SI che si nutre degli ideali europei di tanti uomini politici che hanno segnato la storia, secondo i quali l’Europa è sempre stata, oltre che uno spazio, un’idea in movimento, una grande opportunità di pace e di sviluppo di quei valori di solidarietà, uguaglianza, giustizia e libertà: sono questi i valori che il Trattato costituzionale incarna in pieno.

Con i suoi 448 articoli, la Costituzione contribuisce a migliorare le relazioni tra i soggetti istituzionali dell’Unione ed i rapporti con i Parlamenti nazionali e le Regioni dei 25 paesi, conferendo ad essi piena libertà di scelta e il giusto grado di indipendenza proteggendole dal pericolo delle antiche e fallimentari autarchie politiche ed economiche che solo l’Europa ha potuto e saputo limitare.

In sintonia con il metodo dei piccoli passi auspicato da Robert Schumann, la Costituzione è comunque suscettibile di revisioni e modifiche attraverso le quali sarà possibile correggere alcune lacune in essa presenti e quelle che si dovessero palesare nel corso della sua applicazione.

Ci auguriamo che le speranze e le aspettative degli Europei non vengano deluse adesso, nel momento della prova, e che potremo dire ancora una volta SI, ancora una volta grazie alle cittadine e ai cittadini della Francia e d’Europa!


Gerardo Marotta Presidente Istituto Italiano per gli Studi Filosofici
Walter Schwimmer, Segretario Generale della Maison de la Méditerranée
Predrag Matvejevic´, Presidente del Comitato Scientifico Internazionale
Michele Capasso, Presidente della Fondazione Laboratorio Mediterraneo
Caterina Arcidiacono, Vicepresidente della Fondazione Laboratorio Mediterraneo

 

 


***
***
***
*

____________________________________________________

Copyright Fondazione Mediterraneo © 2018. Tutti i diritti riservati.
Cod. Fiscale 94139240637

 

*