Il logo della Fondazione Mediterraneo

Condividiamo valori
Combattiamo le ineguaglianze
Costruiamo la pace

Il nostro portalevideo
 Inglese Francese Italiano 
*

Home page

*
*
*

Chi siamo

*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
Pubblicazioni
*
Atti delle conferenze
Atti dei Forum Civili
   Euromed
Collana "Quaderni della
   Fondazione"
Collana "Cultura
   e attualità"
Collana "Documenti
   e problemi"
Collana "Arte, danza,
   musica, cinema, teatro"
Collana "Libeccio"
Collana "Maestrale"
Collana "Scirocco"
Edizioni Magma
Edizioni video
   e multimediali
Bollettino e periodico
   "Mednews"
Euromedinfo
Maison de la
   Méditerraneée
Collaborazioni
Il primo website della
   Fondazione (1995-1996)(www.csi.it/mediterraneo)
Il secondo website
   della Fondazione
   (1997-1998)
Rapporto sul
   Mediterraneo
Tesi di Laurea
**

 

FORUM CIVILE EUROMED
VALENCIA 2002

AA.VV. Edizione Fundaciò de la Solidaritat i el Voluntariat de la Comunitat Valenciana Valencia, marzo 2003 ( fr/en.) f.to 19x27 – pp. 324 – Deposito legale: V-2092-2003;

Il 12, 13 e 14 aprile 2002 si è tenuto a Valencia il Forum Civile Euromed con l’apporto di oltre 400 partecipanti provenienti da 30 differenti paesi europei e dei partner del cosiddetto “Processo di Barcellona”. Nell’organizzazione del Forum, la Fondazione per la Solidarietà e il Volontariato della Comunità Valenciana insieme con il Ministero degli Affari Esteri e con il supporto della Commissione europea ha cercato di offrire uno strumento efficace di dibattito e dialogo, che permetta di lavorare per la pace e la solidarietà in un’area che è troppo spesso dominata dai conflitti.
Per il dibattito è stata scelta la regione mediterranea, che possiede un ingente patrimonio culturale, religioso, politico ed economico.
Molte le iniziative in corso ma la principale è senz’altro il Forum Civile Euromed che costituisce un ottimo canale per il dialogo e la solidarietà, attraverso l’opera svolta da associazioni ed enti che lavorano a stretto contatto con uomini e donne abitanti entrambe le rive del mare che i Romani chiamavano nostrum ma che oggi si apre alla cultura e allo sviluppo condiviso.




 
 

***
***
***
* *