Il logo della Fondazione Mediterraneo

Condividiamo valori
Combattiamo le ineguaglianze
Costruiamo la pace

Il nostro portalevideo
 Inglese Francese Italiano 
*

Home page

*
*
*

Chi siamo

*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
La Stampa
*
Comunicati
   ANSAMed-FM
Rassegna stampa
Visita la sala stampa
Arab News
* *

MO: PATRIARCA GERUSALEMME, ABBIAMO BISOGNO DI PACE IL MESSAGGIO IN UNA LETTERA ALLA FONDAZIONE MEDITERRANEO
(ANSA) - NAPOLI, 2 GIU - ''Abbiamo bisogno di pace''. Parole del patriarca di Gerusalemme Fouad Twal. Nell'accogliere dalla Fondazione Mediterraneo il 'Premio Mediterraneo per il dialogo interreligioso', il Patriarca lancia un appello per la distensione, in ore drammatiche per il Medioriente. ''Specialmente in questo tragico momento della storia abbiamo bisogno di Pace: i nostri bambini, le nostre madri, le famiglie meritano un presente e un futuro di serenita' in cui poter vivere e crescere'', dice. Il messaggio e' contenuto nella lettera inviata oggi al presidente della Fondazione Michele Capasso, con la quale accetta il premio che gli sara' attribuito a Napoli, al Teatro di San Carlo, il 13 giugno 2010. ''Nessuno puo' pretendere di avere fatto abbastanza per la pace - scrive il Patriarca - e per la riconciliazione tra i popoli, perche' sempre sara' possibile fare qualcosa di piu' e di meglio''. ''Ci sono poi tante altre persone - continua a proposito del riconoscimento - che meriterebbero questo premio e che rimangono sconosciute: le tante madri, sia israeliane che palestinesi, che hanno perso uno o piu' membri della loro famiglia, e non nutrono nel loro cuore sentimenti di vendetta, desiderando invece continuare ad impegnarsi per la pace e per un futuro migliore''. ''A loro e ai tanti operatori di pace che con la loro silenziosa ma attiva presenza gia' stanno cambiando il volto di questa Terra, offro idealmente questo premio assegnato a me e ai membri della Comunita' cristiana e del Patriarcato latino. Esso costituira', senza dubbio, un incentivo per un impegno ancora maggiore per la pace per piu' preghiera e piu' lavoro di semina, non solo attraverso discorsi e interventi, ma anche attraverso le varie istituzioni, le scuole e il lavoro educativo. Mi rivolgo a tutti coloro che hanno gia' ricevuto il Premio, che lo riceveranno in futuro, e a quelli che mai lo riceveranno, con l'appello ad unire le nostre forze e la nostra preghiera per il bene della Terra Santa'', conclude. (ANSA). 02-GIU-10 13:47

***
***
***
*

____________________________________________________

Copyright Fondazione Mediterraneo © 2018. Tutti i diritti riservati.
Cod. Fiscale 94139240637

 

*