Il logo della Fondazione Mediterraneo

Condividiamo valori
Combattiamo le ineguaglianze
Costruiamo la pace

Il nostro portalevideo
 Inglese Francese Italiano 
*

Home page

*
*
*

Chi siamo

*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
La Stampa
*
Comunicati
   ANSAMed-FM
Rassegna stampa
Visita la sala stampa
Arab News
* *

UE: TURCHIA, A ERDOGAN PREMIO MEDITERRANEO ISTITUZIONI 2005

(ANSAmed) - NAPOLI, 2 SET - Le bandiere spiegate di due paesi amici, Italia e Turchia; poi gli inni nazionali: si è aperta in questo modo, oggi a Napoli, la cerimonia di inaugurazione della sala Istanbul della Maison de La Mediterranée, alla quale ha partecipato il primo ministro della Turchia Recep Tayyip Erdogan. Al premier turco è andato il Premio Mediterraneo Istituzioni 2005, consegnato dal segretario generale della Maison Walter Schwimmer (già segretario generale del Consiglio d'Europa). Chiarendo le motivazioni del riconoscimento, Schwimmer ha detto:"Erdogan sta contribuendo a far sì che la Turchia diventi ponte fra Islam e Occidente nel Mediterraneo; e l'Ue deve tenere conto di questo". Del resto, ha aggiunto ancora in un passaggio del suo intervento, "la Turchia ha contribuito alla stabilità e alla pace in Europa". Ad accogliere Erdogan, in rappresentanza del Governo italiano, il viceministro per i Beni e le Attività culturali Antonio Martusciello, il Presidente della Campania Antonio Bassolino, il prefetto di Napoli Renato Profili, il presidente della Fondazione Mediterraneo Michele Capasso. Presenti fra gli altri l'ambasciatore italiano al Cairo Antonio Badini, il rettore dell'Istituto universitario Orientale di Napoli Pasquale Ciriello, e i rappresentanti di alcune sedi della fondazione: i presidenti delle Province di Cosenza e di Lecce Mario Oliviero e Giovanni Pellegrino, il responsabile della sede di Marrakech Ahmed Moklisse, e da Amman Khalid Kreis. A Napoli, Erdogan cita "le brezze del Mediterraneo", il mare che avvicina l'Italia e la Turchia: "La somiglianza esiste fra questi due popoli: il popolo turco come quello italiano ha quanto alla sua storia, la sua cultura, la sua cucina, un'identità che si trova nel Mediterraneo. E questa identità comune rende vicini i nostri popoli". E' da qui che bisogna partire, secondo il premier, per capire il valore dell'ingresso della Turchia nell'Ue, che deve essere "insieme delle culture e dei valori". Soltanto quando la Turchia avrà raggiunto il suo posto in Europa, ha insistito, per l'Unione si potrà affermare che questo obiettivo sia stato raggiunto. Obiettivo di un paese che nel processo di adesione all'Europa ha già mostrato di avere "molti valori e politiche comuni" e di essere "più pronto all'Europa di quanto lo siano alcuni dei 10 paesi già entrati nell'Unione", è "condividere la prosperità che noi auguriamo ai nostri popoli". Del resto la Turchia è "erede di un impero che ha sempre guardato a ovest". Riferendosi al negoziato per l'ingresso del suo paese nell'Unione europea, e sottolineando il ruolo dell'Italia, che é sempre stata vicina alla Turchia in questa direzione, Erdogan ha concluso: "Se i nostri amici europei non ci aiuteranno per noi le difficoltà saranno maggiori". (ANSAmed). KUY
02/09/2005 17:12

***
***
***
*

____________________________________________________

Copyright Fondazione Mediterraneo © 2018. Tutti i diritti riservati.
Cod. Fiscale 94139240637

 

*