Il logo della Fondazione Mediterraneo

Condividiamo valori
Combattiamo le ineguaglianze
Costruiamo la pace

Il nostro portalevideo
 Inglese Francese Italiano 
*

Home page

*
*
*

Chi siamo

*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
La Stampa
*
Comunicati
   ANSAMed-FM
Rassegna stampa
Visita la sala stampa
Arab News
* *

MED: MATVEJEVIC, SCETTICO FUTURO UPM, BALCANI SU ORLO CRISI
(di Cristiana Missori) (ANSAmed) - ROMA, 14 NOV - ''L'Unione per il Mediterraneo arriva in un momento molto duro, di grave crisi economica, e dopo il fallimento del processo di Barcellona. Sara' molto difficile che l'Upm possa fare qualcosa di piu'''. E' scettico riguardo al futuro della neonata Upm il grande scrittore e intellettuale bosniaco Predrag Matvejevic, che si chiede - a margine di un incontro organizzato ieri a Roma presso l'ambasciata di Francia - cosa mai potra' fare il nuovo organismo per risollevare il destino del Mediterraneo? Prima che venisse varata, nel luglio scorso, infatti, i capi di Stato e di governo hanno discusso a lungo su quale fosse il nome adatto per definire il nuovo organismo: Unione per il Mediterraneo, Unione del Mediterraneo o Processo di Barcellona-Unione per il Mediterraneo. ''Contrasti linguistici che denotano come in Europa non tutti vedono di buon occhio questa istituzione'', rimarca Matvejevic, autore del celebrato ''Breviario mediterraneo'' e vincitore di importanti premi letterari. Tra i massimi studiosi viventi del Mediterraneo, nato a Mostar da padre russo e madre croata, dissidente, condannato a cinque mesi di carcere in Croazia per aver scritto sui talebani cristiani, e' anche un profondo conoscitore dei Balcani. Durante la guerra, ricorda, si schiero' con i bosniaci, ''il popolo piu' martirizzato''. Oggi, avverte, ''senza il controllo internazionale, la situazione rischia di tornare a quello era tra il '92 e il '94. Spero che la Comunita' internazionale trovi la forza e il coraggio di non lasciare soli una volta ancora i Paesi della ex Jugoslavia''. E il Kosovo? ''Sono stato uno dei primi a sostenere che gli albanesi di questa regione abbiano diritto all'autonomia. Colpevole di aver portato gli albanesi del Kosovo a questa voglia di secessione e' Milosevic, che nel tempo li spinse sempre piu' lontano, verso il mare''. ''Chissa' - sospira il docente di lingua francese e di letterature slave nelle Universita' di Zagabria, Parigi (Sorbonne, College de France) e di Roma 'La Sapienza' - forse dovremo aspettare decenni prima che il Kosovo trovi la sua strada unendosi all'Albania''. Che ruolo puo' ritagliarsi l'Italia in questo scenario? ''L'Italia e' tutta lambita dai mari - torna a ripetere Matvejevic - dovrebbe attuare una sua politica mediterranea. Agli occhi degli Stati della sponda Sud, e' piu' credibile di tutti gli altri Paesi europei messi insieme''. Vissuto in esilio volontario tra Parigi e Roma, il noto letterato bosniaco e' anche cittadino italiano e, quando afferma che ''la Lega Nord certo non vuole una politica mediterranea'', non nasconde la sua propensione verso il Partito democratico di Walter Veltroni.
(ANSAmed).  

MED: BOSNIAN WRITER MATVEJEVIC SCEPTICAL ON UFM FUTURE
(by Cristiana Missori) (ANSAmed) - ROME, NOVEMBER 14 - ''The Union for the Mediterranean (UfM) was created during a difficult time, which includes a serious economic crisis, and after the failure of the Barcelona Process. It will be very difficult for the UfM to do much more''. So the great Bosnian writer and intellectual Predrag Matvejevic spoke about the future of the newly-formed UfM. The Bosnian was wondering - outside the meeting organised yesterday at the French Embassy - what the new organisation could do to resolve the destiny of the Mediterranean. In fact, before the organisation came into being in July, heads of State had long argued about the right name for it: Union for the Mediterranean, Union of the Mediterranean or The Barcelona Process - Union for the Mediterranean. ''Such linguistic clashes show how not everyone in Europe has a sympathetic eye for this institution'', remarked Matvejevic, author of the celebrated ''Mediterranean Breviary'' and winner of important literary prizes. Amongst the greatest living scholars in the Mediterranean, Matvejevic was born in Mostar to a Russian father and Croatian dissident mother (who was imprisoned for five months in Croatia for writing about Christian Taliban) is also an authority on the Balkans. During the war, he recalled, he sided with the Bosnians, ''the most tormented of people''. Today, he warns, ''without international control the situation risks sliding backwards to its 1992 and 1994 state. I hope that the international community finds the strength and the courage to not leave the ex-Yugoslavian countries all alone once again''. And Kosovo? ''I was one of the first people to support the Albanian right to autonomy in the region. Milosevic is guilty of pushing Kosovan Albanians to this desire for secession. Over time he pushed them ever further away, ever closer to the sea''. ''Who knows'', sighs the lecturer in French language and Slavic Literatures at the Universities of Zagreb, Paris (Sorbonne, College de France) and Rome 'La Sapienza', ''maybe we will have to wait for decades before Kosovo finds the right way to link it with Albania''. And what role can Italy play in this situation? ''Italy is surrounded by the sea, it should actuate a Mediterranean policy. As far as the countries on the southern shore of the Mediterranean are concerned it is more credible than all the other European countries put together'', said Matvejevic. Having lived in voluntary exile in Paris and Rome, the well-known Bosnian writer is also an Italian citizen and when he affirms that ''The Northern League party certainly does not want a Mediterranean policy'', he cannot hide his partiality for Walter Veltroni's Democratic Party.
(ANSAmed).

***
***
***
*

____________________________________________________

Copyright Fondazione Mediterraneo © 2018. Tutti i diritti riservati.
Cod. Fiscale 94139240637

 

*