Il logo della Fondazione Mediterraneo

Condividiamo valori
Combattiamo le ineguaglianze
Costruiamo la pace

Il nostro portalevideo
 Inglese Francese Italiano 
*

Home page

*
*
*

Chi siamo

*
*
*

La Rete

*
*
*

Le Sedi

*
*
*

Le Attività Svolte

*
*
*

La Maison de la Méditerranée

*
*
*
Le Attività
*
In programma
Svolte per Anno
   1994 - 2010
Svolte per Aree
   tematiche
Elenco generale
Attività delle Sedi
Pubblicazioni
 
* *
MEDITERRANEO: PARTE DA NAPOLI ANCHE DIALOGO CON EST EUROPEODUE GIORNI DI CONFRONTI PER DECENNALE DI BARCELLONA CON 35 PAESI

(ANSA) - NAPOLI, 14 NOV - "Facilitare la partecipazione al dialogo nell┤area mediterranea delle societÓ civili dell┤Est europeo che ne sono state in passato escluse, soprattutto in vista dell┤imminente decennale in programma a Barcellona": questo l┤obiettivo della ┤due giorni┤ organizzata dalla Fondazione Mediterraneo, in corso a Napoli, illustrato dal suo presidente Michele Capasso che precisa: "La conferenza, dal titolo ┤Le Culture Classiche: eredita┤ e innovazione nelle culture moderne del Grande Mediterrane˛, rappresenta una concreta iniziativa per l┤approfondimento del dialogo tra le culture e le civiltÓ nell┤area, con particolare riferimento ai Paesi dell┤Unione Europea di recente adesione". "Polonia, Ungheria, Slovenia, Estonia, Lettonia, Lituania, Repubblica Ceca, Slovacchia, grazie alla loro posizione geografica e ai loro percorsi storici - aggiunge il presidente della Fondazione, nella sua sede ┤Maison de la Mediterranee┤ - costituiscono un importante laboratorio per avvicinare popoli di culture differenti senza trasformarne l┤identitÓ". Partendo dall┤analisi delle culture classiche (romana, greca, ebrea, araba, turca), ognuna delle quali, secondo gli studiosi, presenta sia elementi di conflittualitÓ che di conciliazione, gli esperti e storici internazionali hanno convenuto che Ŕ proprio lo studio di tali elementi a rivelarsi utile al dialogo tra le culture attualmente in atto. La conferenza Ŕ organizzata in collaborazione con la Fondazione Anna Lindh per il dialogo tra le culture ed il ministero degli Affari Esteri italiano, nell┤ambito delle attivitÓ della ┤rete italiana┤ e quale evento propedeutico alla conferenza euro-mediterranea del decennale del Processo di Barcellona che vedrÓ nella cittÓ catalana, il prossimo 28 novembre, riuniti i capi di Stato e di Governo di 35 Paesi. Al dibattito sull┤area del ┤grande Mediterraneo┤ intervengono tra gli altri, Nullo Minissi, direttore scientifico della Fondazione Mediterraneo, ed i professori Sergio Donadoni dell┤Accademia Nazionale dei Lincei di Roma, Gabriella Moscati, dell┤universitÓ L┤Orientale di Napoli, Ahmad Darwish dal Cairo, Jerzy Axer da Varsavia, Pietro De Marco da Firenze, Ojar Lams dalla Lettonia, Thomas Kammerer di Tartu (Estonia), Boumediene Tanouti da Cadi Ayyad di Marrakech ed Armando Salvatore, professore anche dell┤Istitute for Advanced Studies in the hamanities di Essen in Germania.(ANSA).

Torna indietro
***
***
***
* *