Il logo della Fondazione Mediterraneo

Condividiamo valori
Combattiamo le ineguaglianze
Costruiamo la pace

Il nostro portalevideo
 Inglese Francese Italiano 
*

Home page

*
*
*

Chi siamo

*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
*
Pubblicazioni
*
Atti delle conferenze
Atti dei Forum Civili
   Euromed
Collana "Quaderni della
   Fondazione"
Collana "Cultura
   e attualità"
Collana "Documenti
   e problemi"
Collana "Arte, danza,
   musica, cinema, teatro"
Collana "Libeccio"
Collana "Maestrale"
Collana "Scirocco"
Edizioni Magma
Edizioni video
   e multimediali
Bollettino e periodico
   "Mednews"
Euromedinfo
Maison de la
   Méditerraneée
Collaborazioni
Il primo website della
   Fondazione (1995-1996)(www.csi.it/mediterraneo)
Il secondo website
   della Fondazione
   (1997-1998)
Rapporto sul
   Mediterraneo
Tesi di Laurea
**

 

BAJRAM - JUGOSLAVIA ED EX JUGOSLAVIA. 1991-1997
Federico Bugno, prefazione di Predrag Matvejevic, postfazione di Adriano Sofri. Edizioni Magma - FLM Napoli 1998 (it.) f.to 17x24 - pp. 258
ISBN 88-8127-018-8

La guerra nell'ex-Jugoslavia e il drammatico assedio di Sarajevo raccontati in diretta da uno dei maggiori inviati speciali. Federico Bugno, del settimanale "L'Espresso", ha seguito gli avvenimenti balcanici per l'intera loro durata - da Belgrado a Zagabria alla Bosnia a Bihac alla visita del Papa - e li propone in questo libro nella loro versione originale arricchita da una serie di note che li ripercorrono "a posteriori", col senno di oggi. Dove peraltro si dimostra che, a un attento osservatore, i rischi di un conflitto terribile e criminale erano evidenti fin dall'inizio della crisi. Nelle

sue corrispondenze, Federico Bugno denuncia l'atteggiamento passivo e complice delle grandi potenze occidentali e delle Nazioni Unite che non hanno saputo fermare la guerra ma, soprattutto, va alla ricerca della Sarajevo più autentica, quella che il crudele assedio durato 1.300 giorni ha esaltato e che il mondo intero ha imparato a conoscere. Una Sarajevo che, non domata dalla guerra, ha cominciato a cambiare (in peggio) nel momento in cui il processo di pace, sancito dagli accordi di Dayton, si è messo in moto.

INDICE

Prefazione di Predrag Matvejevic
1. Lotta di popoli
2. Jugosfascio
3. Comandante Incubo
4. Serbo non più vostro
5. Allarmi, siam ustascia
6. Europa discolpati
7. Concepirai con violenza: un serbo
8. Ascoltatemi, sono Besina, stuprata per 28 notti
9. Uno sparo: è la pulizia etnica
10. I nostri eroi in Bosnia
11. Europei, ci buttate in braccio all'Islam
12. Metti che i russi…
13. I due generali
14. Siamo sempre sotto assedio
15. Ci avete consegnati ai russi
16. Mettete dei poster nei vostri cannoni
17. Lasciate di nuovo a Sarajevo. Sparano
18. Assediati dalla solitudine
19. Ridateci almeno la memoria
20. Rischio Sarajevo
21. Karadzic propone. Onu dispone
22. Wojtyla, ecco Sarajevo
23. Scrivendo sotto le bombe
24. Nelle mani dei serbi
25. È tornata la luce ma siamo la metà
26. Muoia la Krajina con tutti i balcani
27. Anche i caschi blu ci possono stuprare
28. Parola d'ordine: contrassedio
29. Sarajevo story
30. Padre, mi converto alla fede croata
31. Democrazia modello Izetbegovic
32. Aiuto, qui si vota un'altra guerra
33. L'unica speranza è modello tuzla
34. Bosnia, il paese che non c'è
35. Smettiamo di fare i serbi
36. L'ordine serbo regna a Vukovar
37. Caro Papa, Sarajevo non è più
Postfazione di Adriano Sofri

***
***
***
* *